Votazioni elettroniche

vote_cut

Viviamo in un mondo sempre più informatizzato, eppure in moltissime nazioni le votazioni si tengono sempre con una X da tracciare a matita su un foglio di carta. Che va piegato e messo in un’urna sigillata. Dalla quale verrà poi ripescato e qualcuno dovrà interpretare quella X ed assegnare il voto alla persona/partito prescelto…
Ed ovviamente non mancano le accuse brogli, i riconteggi e le contestazioni…
Anche il certificato elettorale è poi un foglio di carta, che va consegnato allo scrutatore con la carta d’identità (spesso di carta) che cercherà la conferma del nome su un registro… di carta!

Non sarebbe più comodo (e civile) andare al proprio seggio, entrare direttamente in una postazione di voto, verificare il proprio certificato elettronico con un apposito apparecchio, confermare biometricamente la propria identità e inserire il proprio voto selezionando il candidato/partito da un touch screen?

voting
electronic_vote

Un sistema di voto elettronico ben ideato, inoltre, permetterebbe di esercitare il proprio diritto di voto anche a tutte quelle persone che fisicamente non possono recarsi alle urne. In questo caso sarebbe l’urna a recarsi da loro, oppure potrebbero votare online da remoto.
Uno studente o un lavoratore fuori sede potrebbe esercitare il proprio diritto di voto semplicemente recandosi ad un qualsiasi seggio elettorale, munito semplicemente della della propria tessera elettorale elettronica con riconoscimento biometrico. La tessera stessa, inoltre, gli impedirebbe di votare più volte, in seggi diversi, sulla stessa tornata elettorale…